thnet mer-calEcobonus 2017

La conferma dell’Ecobonus anche per i prossimi anni è arrivata con la presentazione della Legge di Bilancio 2017 in cui è stata prorogata fino al 31 dicembre 2017 la detrazione fiscale per le ristrutturazioni volte al risparmio energetico della propria casa e fino al 31 dicembre 2021 per quelli volti al miglioramento delle prestazioni energetiche dei condomini.

Ecobonus 2017: detrazioni fiscali per risparmio energetico.

L’Ecobonus 2017 consiste in una detrazione fiscale Irpef o Ires per interventi di riqualificazione energetica su immobili già esistenti. In pratica, per tutte le spese e gli importi sostenuti ai fini di migliorare le prestazioni energetiche della propria casa o di parti comuni del condominio sarà possibile richiedere l’agevolazione fiscale e beneficiare dello sgravio dal 65% fino al 75%.

L’importante novità sull’Ecobonus 2017 riguarda proprio l’estensione agli interventi di risparmio energetico sui condomini: se gli interventi e le spese di ristrutturazione per migliorare l’efficienza energetica interesseranno l’intero involucro dell’edificio, l’agevolazione fiscale dell’Ecobonus potrà salire al 70% (nel caso in cui incideranno sul 25% della superficie complessiva del condominio),  se invece la riqualificazione energetica sarà finalizzata al miglioramento e al risparmio sulla spesa energetica sia estiva che invernale, l’agevolazione fiscale arriverà fino al 75%.

Una precisazione importante da fare è che l’Ecobonus 2017/2021 può essere richiesta soltanto su immobili ed edifici già esistenti, con prova dell’esistenza dell’edificio, di qualsiasi categoria catastale. Sono quindi ammessi tutte le costruzioni residenziali, compresi i beni strumentali. Non possono di conseguenza essere agevolabili gli interventi effettuati in corso di costruzione di un nuovo immobile.

Ecobonus 2017: spese e interventi ammessi alla detrazione fiscale per risparmio energetico

L’Ecobonus 2017 consente di portare in detrazione fiscale gli interventi e le spese volte al risparmio energetico, ovvero volte a migliorare l’efficienza energetica e le prestazioni dell’abitazione.

L’agevolazione del 65% riguarda tutti gli interventi e le spese sostenute ai fini di:

  • miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni, pavimenti, finestre e infissi);
  • installazione di pannelli solari;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale;
  • interventi di domotica, cioè installazione di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento.

L’importo massimo di spesa ammessa all’Ecobonus 2017 e utile a determinare l’ammontare della detrazione Irpef o Ires è così determinato:

  • 100.000 euro per gli interventi di riqualificazione energetica;
  • 60.000 euro per gli interventi sull’involucro dell’edificio;
  • 30.000 euro per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, ovvero installazione di impianti dotati di caldaie a condensazione, pompe di calore ad alta efficienza e impianti geotermici a bassa entalpia;
  • 60.000 euro per l’installazione di pannelli solari utili alla produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università.

Ecobonus 2017: detrazione fiscale condomini fino al 75%.

Come già indicato la detrazione del 65% si applica anche alle spese documentate e rimaste a carico del contribuente per interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2021.

L’Ecobonus, ovvero la detrazione Irpef o Ires sale al 70% per gli interventi sull’involucro con un’incidenza superiore al 25% della superficie dell’edificio, e al 75% per miglioramento della prestazione energetica invernale e estiva. L’importo di spesa sul quale calcolare la detrazione prevista dall’Ecobonus è di 40.000 euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari che costituiscono l’edificio.

Dal 1° gennaio 2017 possono usufruire della detrazione anche gli istituti autonomi di case popolari comunque denominati.

Ecobonus 2017: soggetti beneficiari della detrazione Irpef o Ires

Potranno beneficiare della detrazione fiscale prevista dall’Ecobonus 2017 tutti i contribuenti, anche i titolari di reddito di impresa, che siano possessori di un immobile in favore del quale vengono posti in essere interventi di riqualificazione energetica.

Ecobonus 2017: le spese ammesse alla detrazione e modalità di rimborso

Le spese per le quali è possibile richiedere l’Ecobonus sono quelle relative agli interventi su unità immobiliari ed edifici residenziali esistenti, mentre non sono agevolabili le spese effettuate in corso di costruzione di un nuovo immobile.

Come prova dell’esistenza dell’immobile per il quale si richiede l’Ecobonus 2017, è necessario dotarsi di iscrizione al catasto o di richiesta di accatastamento, oppure delle ricevute di pagamento delle imposte comunali Ici o Imu.

Rientrano tra le spese ammesse alla detrazione anche quelle riguardanti l’acquisto di materiale per il risparmio energetico e le prestazioni professionali per l’installazione, come nel caso degli interventi di domotica.

Sono detraibili le imposte Irpef o Ires relative sia ai costi per lavori edili sia quelli relativi a prestazioni professionali. L’unico requisito fondamentale è che tali spese rientrino tra quelle effettuate con l’obiettivo di migliorare le prestazioni energetiche dell’immobile.

La modalità di rimborso dell’Ecobonus relativamente alle spese effettuate rimane invariata rispetto agli anni precedenti e quindi 10 anni.

Ecobonus 2017: documenti da conservare per beneficiare della detrazione fiscale

L’Ecobonus 2017, secondo quanto specificato dall’Agenzia delle Entrate, verrà erogato soltanto ai contribuenti che invieranno i seguenti documenti:

  • asseverazione di un tecnico abilitato o la dichiarazione resa dal direttore dei lavori;
  • attestazione di partecipazione ad un apposito corso di formazione in caso di autocostruzione dei pannelli solari.
  • certificazione energetica dell’immobile fornito dalla Regione o dall’Ente locale o attestato di qualificazione energetica predisposto da un professionista abilitato.

Entro 90 giorni dal termine dei lavori di riqualificazione energetica bisognerà trasmettere all’Enea, in modalità telematica, la scheda informativa degli interventi realizzati e la copia dell’attestato di qualificazione energetica. Se i lavori riguardano più periodi d’imposta, bisognerà comunicare le spese effettuate nei periodi precedenti all’Agenzia delle Entrate. In questo caso la presentazione dovrà avvenire entro 90 giorni dal termine del periodo d’imposta, o per via telematica o attraverso intermediari abilitati.

Ecobonus 2017: modalità di pagamento

Le modalità di pagamento delle spese per ristrutturazione volte al risparmio energetico, sono diverse a seconda del tipo di contribuente:

  • i contribuenti non titolari di reddito d’impresa dovranno pagare le spese esclusivamente tramite bonifico bancario o postale, con indicazione di causale del versamento, codice fiscale del beneficiario della detrazione, numero di partita Iva o c.f. del soggetto a favore di cui si effettua il pagamento;
  • i contribuenti titolari di reddito d’impresa non sono soggetti all’obbligo di pagare tramite bonifico, ma è importante che conservino idonea documentazione per la prova delle spese.

Importante ricordare che l’Ecobonus non è cumulabile con il Bonus ristrutturazioni al 50%, confermato anch’esso per il 2017. I contribuenti dovranno decidere, nel caso l’intervento di riqualificazione dell’immobile dovesse rientrare in ambedue le possibili agevolazioni, di quale dei due benefici fiscali usufruire. In caso di ristrutturazioni importanti il contribuente potrà suddividere le spese tra i due incentivi, di modo da ottenere il massimo risparmio possibile.

VADEMECUM ENEA

serramenti  schermature_solari riqualificazione_globale pompe_calore pannelli_solari coibentazione_pareti caldaie_condensazione caldaie_biomassa-comma347 caldaie_biomassa- comma344 buildingautomation


mercalserramentiinfissi-logoè un’azienda sita a Orbassano, in provincia di Torino, specializzata nel settore dei serramenti e della carpenteria metallica, offrendo alla propria clientela grande esperienza e massima professionalità. La ditta piemontese si rivolge sia ai privati sia alle imprese operanti nel settore commerciale, edile ed industriale, essendo in grado di soddisfare qualsiasi tipo di richiesta.

La MER-CAL dà la possibilità a tutti i Partner del Progetto THnet di usufruire di una scontistica del 10% sui prezzi di listino.

mercalserramentiinfissi-logohttp://www.mercalserramentiinfissi.com/

thnet-partnerhttp://www.thnet.it/mercalserramentiinfissi


 

Lo staff THNET

logo-thnet ALTA RISOLUZIONE_registrato  

  • Via Almese n. 25
    10093 COLLEGNO (TO)
  •   392 9624402
  •   011 4010928
  •   info@thnet.it